logo facebook SEGUICI SU FACEBOOK
config

Bordo Ring

Al Garden Lomachenko favoritissimo su Pedraza

 

Loma Pedraza Wi Pose2

Unico possibile dubbio la spalla dell'ucraino

 

Per una star serve un grande teatro. Ed ecco che Vasyl Lomachenko ritorna al Madison Square Garden di New York. Sono passati praticamente 7 mesi da quando il 30enne ucraino, considerato il miglior pugile del momento in assoluto insidiato solo da Terence Crawford, ha combattuto nella stessa storica arena newyorkese il match probabilmente più difficile della sua straordinaria carriera. Ha sì vinto contro Jorge Linares con uno spettacolare K.O. grazie a un colpo al corpo ma l'incontro era ancora in bilico dopo 9 round e un pezzo di decimo e soprattutto Lomachenko era andato per la prima volta al tappeto. Chi non segue attentamente le vicende pugilistiche può ritenere che il match più difficile per Loma, come viene chiamato oltreoceano, sia stato quello perduto contro Orlando Salido ma giova ricordare che in quella occasione l'ucraino, sia pure con una enorme esperienza dilettantistica alle spalle comprendente 2 ori olimpici e 2 mondiali, era stato vittima di una cattiva programmazione, opposto al secondo match a torso nudo a un navigato e scorretto professionista come era lo scorbutico messicano. Da allora per Lomachenko è stata una cavalcata trionfale che vede i nomi di Roman Martinez, Nicholas Walters, Guillermo Rigondeaux e lo stesso Jorge Linares fra le vittime illustri. Due di loro, Martinez e Walters, hanno lasciato la boxe dopo avere incontrato questo straordinario mancino allenato da sempre dal padre.

Non c'è una gran fila di aspiranti a combattere con Lomachenko anche se ciò significa sicuramente un bel guadagno in termini economici. In questa fila c'è però il portoricano Jose Pedraza, 29enne che perse da dilettante la finale dei campionati del mondo AIBA del 2009 contro Domenico Valentino. Pedraza ha fatto bene da professionista arrivando invitto al titolo di sigla IBF dei pesi superpiuma conquistato contro Andrei Klimov nel giugno 2015, titolo però perso a inizio 2017 di fronte al funambolico protegé di Floyd Mayweather Jr, Gervonta Davis, che lo battè prima del limite. Pedraza ha poi conquistato contro Raymundo Beltran il titolo di sigla WBO dei pesi leggeri che mette in palio contro Lomachenko, il quale a sua volta mette in palio il titolo di sigla WBA etichettato Super. Pedraza parla di occasione importante per rendere onore a Portorico conquistando  una grande vittoria ma le possibilità che ci riesca sono al lumicino. Il portoricano è un ottimo pugile, veloce, conosce bene la boxe e tutti i suoi fondamentali ma Lomachenko è qualcosa di diverso, baciato da una classe cristallina che si realizza in esecuzioni perfette di colpi, in una straordinaria sincronizzazione di movimenti, in una fantasia di soluzioni che pare  senza limiti. Pur non essendo un picchiatore, come del resto non lo è Pedraza, Lomachenko ha una percentuale del 75% di vittorie prima del limite. L'unico possibile piccolo dubbio risiede nelle condizioni della spalla di Lomachenko operata dopo la battaglia con Linares. Pedraza è classificato al nr 3 della classifica dei pesi leggeri del Transnational Boxing Rankings Board alle spalle di Lomachenko e di Mickey Garcia, due fuoriclasse. Pedraza un fuoriclasse non è, e allo stato attuale delle cose solo un fuoriclasse può battere Lomachenko, infortunio a parte. Possibile se non probabile, una soluzione prima del limite.

Importante appuntamento per i tifosi italiani il match  Lomachenko vs  Pedraza sarà

visibile su Sportitalia in diretta con un collagamento che partirà alle alle ore 3 di

domenica 9 dicembre

RIFERIMENTI

BOXE RING WEB

EDITORE FLAVIO DELL'AMORE

Autorizzazione Tribunale di Forli' n. 2709

FORUM

logo boxeringweb2017c

Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...

ACCEDI