logo facebook SEGUICI SU FACEBOOK
config

Ultime notizie

In vista del vacante tricolore dei welter, Cristofori dice: "Vinco io!"

Cristofori

Ultimi giorni di attesa per il 23enne welter mancino ferrarese Nicola Cristofori (8-1-1; 1 ko) e per il suo tecnico Roberto Croce, in vista della sfida per il vacante titolo italiano della categoria che lo vedrà opposto, venerdì prossimo a Cernusco sul Naviglio, al 32enne varesino Michele Esposito (11-3-1; 2 ko), già tricolore nel 2016 con la vittoria sul fiorentino Giacomo Mazzoni.

Preparatosi accuratamente nella palestra della Ferrara Boxe (da cui partiranno alle ore 16 di venerdì due pullman di sostenitori per seguirlo nell'avventura), il longilineo pugile estense ha incrociato in queste settimane i guanti con sparring di lusso, quali Matano, Fiordigiglio e alcuni componenti di Italia Thunder delle Wsb.

Nicola Cristofori è un ragazzo di poche parole, ma quelle che dice non ammettono dubbi:

“Vincerò io! Sono in gran forma, mi sono allenato al massimo e senza nessuna novità rispetto al solito, perché non ce n’era bisogno”.

Da cosa deriva questa tua grande sicurezza?

“Dal fatto che sono tranquillissimo, non ho nessun problema di fondo perché le dieci riprese le ho sperimentate in palestra parecchie volte e sono pronto a fronteggiare ogni evenienza”.

Conosci Michele Esposito?

“Certo. E’ uno che si butta sempre addosso e quindi il match sarà faticoso e non semplice, ma ho tutti i mezzi per vincere e, come ho detto, sono sicuro che ce la farò”.

Non ti preoccupa nemmeno il fatto di combattere vicino a casa sua?

“No. Avrò tanti miei tifosi al seguito. Poi, più che in casa sua saremo in terreno neutrale…L’importante è che mi va tutto bene, ci “sono” e ripeto: vincerò”.

Roberto Croce, il suo maestro di sempre, è dal canto suo fiducioso, ma con un pizzico di prudenza in più, sull’esito del combattimento:

“L’unica cosa che mi preoccupa un po’ è la maggiore esperienza di Esposito; è soltanto una questione psicologica e non fisica. Nicola ha fondo, velocità e colpo d’occhio, ma deve rimanere attentissimo per tutti i round, perché per lui è la prima volta che affronta un match di tale lunghezza e importanza”.

Come dovrebbe dipanarsi quindi la sfida?

“Il mio ragazzo dovrà muoversi continuamente, avvalendosi della sua abilità nel gioco di gambe e nelle schivate, per poi entrare di rimessa nella guardia di Esposito, che è un guerriero dotato di ritmo e grinta da vendere. Nessuno dei due è un “picchiatore”, ma sono convinto che sia proprio Nicola ad essere più efficace quando colpisce d’incontro”.

Il dado é quindi tratto. Non c'é alcun dubbio che anche dalla parte di Michele Esposito ci sia altrettanto fiducia nella vittoria e ancora di più sono probabilmente fiduciosi i suoi bollenti tifosi, che sempre lo seguono nei momenti importanti.

"Vinco io; no, vinco io!". L'antipasto per un match estremamente teso ed incerto. Proprio quello che ci vuole...

RIFERIMENTI

BOXE RING WEB

EDITORE FLAVIO DELL'AMORE

Autorizzazione Tribunale di Forli' n. 2709

FORUM

logo boxeringweb2017c

Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...

ACCEDI